La Biennale di Venezia e Spazio Grisù uniti nell’arte

Due eccellenze, di Venezia e Ferrara, unite da un’artista.
Dopo aver inaugurato durante la Biennale di Venezia, il “Progetto BR” sbarca a Ferrara, a Spazio Grisù, dove rimarrà in permanenza.

Il progetto nasce da un’idea di Silvia Donini e rientra tra le attività collaterali del Padiglione Italia, coordinate da Vincenzo Trione, alla 56ma edizione della Biennale di Venezia.

“BR” come Barone Rampante e come sogno sovversivo di vivere sugli alberi, ma attualizzato per i giovani di oggi.

L’artista ferrarese, in collaborazione con alcune imprese che operano nella “Factory creativa” di via Poledrelli 21, ha ideato delle panchine sospese sugli alberi, in cui è possibile ricaricare smartphone e tablet.

“Ho pensato – spiega la Donini – a sedute ecologiche e relazionali, alimentate da pannelli solari;
la tecnologia, in questo caso, unisce i ragazzi, mentre digitano, anziché dividerli in isole
di incomunicabilità, e li porta ad un rinnovato contatto con la natura”. Panchine che hanno, dunque, una doppia utilità e che resteranno come dono dell’artista nella corte di Spazio Grisù.

Ingresso libero.
Domenica 8 novembre, ore 17.
Spazio Grisù, via Poledrelli 21, Ferrara.